domenica 11 febbraio 2007

RITORNA IL CAMPIONATO ALLA CAMOMILLA.

Dopo una giusta giornata di stop a causa degli eventi di Catania ritorna il campionato.
Fortunatamente possiamo commentare solo l'evento sportivo. UNA NOIA MOSTRUOSA.
Nella giornata dell'esordio senza infamia ne lode di Ronaldo, (penso che i suoi tifosi attendano ben altro da lui), tutte le grandi (tranne una) vincono, Inter compresa, ed a chi come me fa il tifo per una squadra che lotta per non retrocedere questo campionato fa proprio annoiare. L'unica grande ad essere sconfitta è il Palermo ed è Almiron a ridimensionarlo.
Attendo adesso con ansia di vedere le italiane in Champions League.
Che ne dite, passeranno il turno il Milan, l'Inter e la Roma? Qualcuno di loro potrà ambire alla vittoria finale? Attendo i vostri commenti su questo.

Intanto nel Rugby si è registrata una prova ottima dell'Italia, che perde con onore contro l'Inghilterra dello straordinario Wilkinson, 20-7 il risultato finale.

2 commenti:

Rubes ha detto...

Sinceramente il campionato lo sto seguendo poco (domenica gioco anche io…) e poi hai ragione a dire che è noioso. Negativo ho solo il commento per le dichiarazioni di Mancini (dopo Catania dovremmo finire qua il campionato, vince chi è in testa e si riprende a Settembre): a parte il fatto che (grazie al cxxxo) l’Inter è prima e guarda a caso è la sua squadra, non pensa alla str…ata che ha detto? Le squadre in lotta per le altre posizioni dovrebbero essere contente così? Ma dai!!! Se perderà in Champions andrò a festeggiare!

Per il rugby confermo la buona prova dell’Italia davanti ad un fantastico Wilkinson, anche se Berbizier poteva anche tralasciare di commentare negativamente l’arbitro, deve vincere lui la partita, non l’arbitro! Troncon uomo partita, bella la meta di Scannavacca. Peccato per l’espulsione di Bergamasco…

Renato ha detto...

Il campionato italiano, quest'anno è noioso perchè non c'è lotta al vertice. è avvincente solo in coda ma la lotta per la retrocessione non è certo quella che attira gli spettatori e l'interesse della gente.
Le squadre italiane da qualche anno si devono accontentare dei "resti" che lasciano la Spagna e l'Inghilterra.
Manca la qualità.
L'unico a spendere rimane Moratti (il Milan è al risparmio e la Juve è in B), gli altri devono quadrare un bilancio sempre più difficile.
Il campionato italiano è destinato ad impoverirsi qualitativamente e se non facciamo mettere le stesse "gomme" a tutti rischiamo di vedere decine di campionati come quello di quest'anno.
Non è il massimo ma almeno avremo un campionato più giocato, più seguito e meno chiaccherato.
Vedo nero il futuro delle italiane nelle manifestazione europee.

Google